Facebook Instagram

11/14 FEBBRAIO 2018

IMPORTANTE RISULTATO DI MICAM SHOEVENT: TOTALE VISITATORI + 16,27%, CON GLI STRANIERI A + 21,19% 

Alla prima edizione nel nuovo polo fieristico milanese di Rho, MICAM SHOEVENT, il salone leader internazionale per la calzatura di livello medio-alto e alto, dal 22 al 25 settembre ha fatto il pieno di visitatori aprendo le porte ad un totale di 41.799 op
Alla prima edizione nel nuovo polo fieristico milanese di Rho, MICAM SHOEVENT, il salone leader internazionale per la calzatura di livello medio-alto e alto, dal 22 al 25 settembre ha fatto il pieno di visitatori aprendo le porte ad un totale di 41.799 operatori di cui 19.399 stranieri. Importanti gli incrementi, con un 16,27% di aumento sul totale degli operatori accreditati e una ancora più significativa crescita degli addetti provenienti dall'estero che fanno segnare un +21,19%. Buona anche la performance degli italiani che con 22.400 presenze fanno registrare un importante +12,32%.

Molti dei tradizionali Paesi compratori di MICAM hanno consolidato la loro posizione nella 'classifica' degli ingressi per numero di presenze. Tuttavia il dato nuovo e di maggior risalto è la partecipazione significativa di alcuni paesi meno presenti nelle passate edizioni, con un conseguente ampliarsi del panorama dei mercati interessati alla manifestazione.
Giappone, Germania, Francia e Gran Bretagna, fanno registrare le migliori performance, seguiti da Russia, Spagna, USA e Grecia.

'Siamo, credo a buona ragione - afferma Rossano Soldini, presidente dell'Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani, che organizza MICAM - orgogliosi di questo risultato che leggiamo come una conferma della centralità della nostra manifestazione a livello mondiale, oltre che come un interesse per la calzatura made in Italy che resta il cuore di un salone con un'alta e crescente percentuale di espositori stranieri'.

A MICAM erano infatti presenti 1559 espositori (+11,6% rispetto a settembre 2004) su una superficie espositiva di 69.223 metri quadrati (+26,1 %). Di questi, 439 gli stranieri, con una crescita del 28,7%.

'Certamente - aggiunge il presidente - la nuova sede fieristica, che è a sua volta un esempio di eccellenza italiana, è stata una cornice all'altezza di operatori ormai abituati ad un elevato standard di servizi'.

'Il nostro - commenta ancora Soldini - è notoriamente un settore con una forte vocazione all'export e per questo riteniamo estremamente importante la crescita dei compratori stranieri che scelgono MICAM. Non ci stanchiamo però di sottolineare, e l'abbiamo fatto anche alla presenza dell'onorevole Giulio Tremonti, che ci ha voluti onorare con la sua presenza per il via ufficiale alla manifestazione, le difficoltà congiunturali che il nostro settore sta vivendo. L'Onorevole Tremonti ha inoltre confermato il suo impegno personale e del Governo in tema di 'made-in' e di procedure anti-dumping per le importazioni dalla Cina'.

Alla ricerca e alla formazione, strumenti essenziali per garantire il futuro dell'industria calzaturiera made in Italy, è stato dato spazio con il convegno 'I love Italian Shoes. Il successo di una forte collaborazione tra scuola e aziende calzaturiere'. All'incontro hanno partecipato il Presidente ANCI Rossano Soldini, il consulente Moda e Comunicazione Aldo Premoli, il VicePresidente ANCI e delegato Scuola Formazione Presidenza ANCI Vito Artioli, il Segretario Nazionale FILTEA-CGIL Giampaolo Mati, il Vice Presidente Giovani Confindustria per i Rapporti Esterni e Education Cleto Sagripanti, e il Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca On. Valentina Aprea.
Nell'ambito dell'iniziativa sono stati premiati i vincitori del concorso 'I love Italian Shoes', indetto da ANCI in collaborazione con M.I.U.R. (Ministero dell'istruzione, Università e Ricerca) e giunto alla sua sesta edizione. L'iniziativa ha coinvolto 47 scuole tra primarie, secondarie e agenzie formative specializzate, che hanno presentato lavori sul tema 'I love italian shoes', comprendenti un piano di comunicazione, un piano commerciale di lancio del prodotto e prototipi o modelli di vere calzature.
Le scarpe, i prototipi e i disegni realizzati dagli studenti sono stati messi in vendita e il ricavato è stato devoluto a VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo), con una iniziativa attraverso la quale ANCI si lega ancora una volta a un progetto di charity. Scarica l'allegato:


Pubblicato il 09/26/2005



Scarica gli allegati