Facebook Instagram

11/14 FEBBRAIO 2018

TENDENZE PRIMAVERA-ESTATE 2002 

MICAM Shoevent presenta: le tendenze per la stagione Primavera-Estate 2002, le quattro linee tematiche
MOVE

NOME: Move
PAROLE CHIAVE: Flusso. Leggerezza. Danza. Emozione. Commozione. Cura.
ELEMENTO/SPIRITO: Aria.
COLORI: Sbiancati. Cipria. Cosmetici.
SENTIMENTO: Virt¨ e volontÓ.
COMUNICAZIONE MODA: Chic. Velo. Mistero. PersonalitÓ.
LUOGO: Il palcoscenico. Il lungomare. Il ristorante.

Colori – Colori sbiancati, cosmetici, chiari e quasi bianchi che ricordano ciprie e ombretti. Una serie di bianchi talcati da contrapporre a ombre colorate come nei chiaroscuri di un viso.
Atmosfere – Il movimento e i suoi flussi dettano le forme di questo stile: semplici, fluide, seguono il corpo come una seconda pelle. Colori, superfici dei tessuti e dei materiali si dispongono come un cosmetico in strati e giochi di luce e ombra di chiaro e scuro, positivo e negativo. Il mistero dei colori scuri Ŕ arricchito dalle suggestioni esotiche di segni e forme essenziali in cui le linee si allungano, si intrecciano in segni grafici di origine vagamente tribale, in un nuovo concetto di chic e personalitÓ.
Materiali – Scamosciati sottilissimi, innaffiature dorate, colorate e cangianti. Nappe ricche dalle rifinizioni setose e superfici come raso, perlate e cangianti, lucentezze cremose ed opacitÓ talcate. Vegetali molto raffinati. Stampe floreali anche su minirettili. Rettili dalla stampa piccolissima. Stampe ad intreccio, intrecci, stuoie, forature infilate a stuoia combinando materiali raffinati e ricchi. Tessuti fluidi e cadenti, setosi, opachi ed in contrasto con rasi perlati o dorati.
Volumi – Linee rese voluminose dagli arricci, gusto classico, femminile e delicato, dettagli danza.
Borse – Modelleria basic, rivista nei volumi, in nuove costruzioni morbide e dalle macrodimensioni.
Calzature e dettagli – Silhouette inconsuete, forme semplici, dettagli evanescenti.
Minuteria – L’idea del movimento, del ritmo, Ŕ resa attraverso la decorazione: ripetizioni di paillettes a scaglie, in finiture lucide e satinate, o di motivi a inchiostri rigonfianti (effetti spugnosi, gonfiare le superfici). Minuterie decorate di pietre opalescenti, lattee (dare consistenza alla trasparenza), o di perle utilizzate anche in forma di polveri, come ciprie, per sporcare le superfici: ispirazione make-up. Dettagli rubati alla danza: elastici di raso, spigatini, fiocchetti in codina di topo, marab¨, reti, nastri di grosgrain, semplici o resi pi¨ aggressivi da borchiette satinate e strass metallici.
Minuteria in finiture color oro sbiancato, pallidissimo, o metallizzata nei colori pastello: catenelle, anelli, ganci, passalacci svuotati del peso, leggeri. Per i dettagli vengono utilizzati il silicone, i pallini di plastica trasparente, il cambio immagine e le etichette gel.
Spazio – Cosa hanno in comune gli arredi che abitano le case e le culture del mondo? Fino a pochi decenni orsono le differenze erano prevalenti: nei materiali, legati al territorio e anche nelle tipologie: all’est seduti all’altezza del suolo, ad ovest sollevati di 42 centimetri, al nord ricercando il sole persino negli specchi, al sud stratificando l’ombra dietro tessuti, stuoie, persiane. Oggi le case seguono i desideri, tutto si muove.


DRUM

NOME: Drum
PAROLE CHIAVE: Buonumore. VitalitÓ. Ritmo. Ironia. Ricchezza. Infanzia.
ELEMENTO/SPIRITO: Cosmico chimico.
COLORI: Bianco. Nero. Arancione. Bicolore. Sintetici.
SENTIMENTO: Innocenza, follia.
COMUNICAZIONE MODA: IntensitÓ, allegria, giovinezza, energia.
LUOGO: L’automobile, il call-center, il supermercato. Cucine e uffici creativi.

Colori – E’ una gamma fresca e vitaminica, ma composta con il bianco, ha l’aspetto gessoso della pittura lavabile o sintetico della formica: risultano tonalitÓ di ispirazione ’50 e ’60. Gli abbinamenti di colore sono semplici e includono il bianco o il nero. Ritorno del bicolore in forma grafica, sia come fantasie (righe e vichy) che come abbinamenti di masse colorate o decorazioni. Si pu˛ ripensare all’optical in chiave soft.
Atmosfere – Un mondo che insegue la felicitÓ, perfetto, senza sbavature, fatta di campiture di colore e di simmetrie. Il design Ŕ espressione di una progettazione in transito tra passato e futuro, senza atteggiamenti nostalgici e fughe futuristiche, ma che riscopre la sfera sentimentale e affettiva che ci lega al mondo degli oggetti. Un tema energetico e vitaminico, direttamente collegato con gli oggetti, gli arredi, la grafica bidimensionale e modulare che contraddistinguono la comunitÓ variegata e comunque vitale della new economy.
Materiali – Materiali piatti dall’aspetto opaco e semilucido. Stampati bicolore molto grafici, Vichy, rigature, fiori bicolore da abbinare a righe e pois. Capre e nappe dall’aspetto opaco e semilucido. Nappe satinate e colorate. Vernici opache e leggere, senza trasparenze. Scamosciati leggeri e morbidi, dall’aspetto energetico. Fantasie bicolore di ispirazione tropicale da mescolare a geometrie. Doublefaces bicolore da abbinare al bianco ed al nero. Lino e canapa con trafori.
Volumi – Linee di chiara ispirazione ’50 e ’60, bombate nelle gonne e nelle maniche a palloncino, busto comunque piccolo, pantaloni a sigaretta, punto vita segnato.
Borse – Righe e vichy in nuove interpretazioni, nuove anche le proporzioni tra maniche-corpo-borsa. Abbinamenti di colore grafici, netti, definiti.
Calzature e dettagli – Volumi avvolgenti, forme ergonomiche, giochi di equilibri.
Minuteria – Interessanti, ispirati all’oreficeria i giochi di bicromie: tirazip double face, tocchi di colore a contrasto solo sul profilo o sul fondo di gancetti e di fibbie. Lacci jacquard bianco pi¨ colore oppure arcobaleno, che imitano le microgeometrie o i vichy o i seersucker dell’abbigliamento; elastici e nastri di cotone o di spugna in colori energetici. Importante il tema del gioco, l’immaginario infantile, i materiali che fanno pensare ai giochi come la gomma o la plastica. Parti in plastica rigida semitrasparente colorata per lo sport. Il modulare anche nei dettagli: i decori geometrici ripetuti, gli angoli smussati, i pixel.
Spazio – La vitalitÓ Ŕ figlia dell’incontro e le nuove idee, si dice, siano frutto dell’impollinazione. Cosý la casa influenza l’ufficio che Ŕ in contatto con lo sport che Ŕ stimolato dalla moda e viceversa.

EDEN

NOME: Eden
PAROLE CHIAVE: Tecnonatura. Ecologia. Simbiosi. Erbe. Salute.
ELEMENTO/SPITITO: Natura
COLORI: Verdi. Azzurri. Gialli. Ocra.
SENTIMENTO: Originario, bello, unico.
COMUNICAZIONE MODA: Composizione, pulizia, naturalezza sensibilitÓ.
LUOGO: Il parco, il giardino, la serra. L’erboristeria, le terme, il verde domestico.

Colori – I colori evocano aria, terra ed acqua, i tre elementi fondamentali per la sopravvivenza. I gialli ed i verdi naturali come scoloriti dal sole, i verdi accesi della clorofilla, il blu del mare e dei suoi fondali e la trasparenza dell’aria. I neutri asciutti in abbinamento ai verdi. Giallo vivo e rosso come accenti.
Atmosfere – Naturale e artificiale sono i due volti di una medaglia. Si manifesta la necessitÓ di porre la tecnologia al servizio della natura, la performance tecnologica al servizio del benessere. E’ una sensibilitÓ che emerge nell’architettura, nel design, nell’aumento costante di interesse verso la cura del corpo, nell’uso continuo della parola “bio”. Sull’onda di un argomento cosý sentito si innestano le suggestioni ed i colori di questo tema: richiamare l’attenzione al naturale attraverso il tecnologico. Strutture organiche evolvono verso la “materia”, si esprimono in materiali che evocano o ripetono le forme complesse della natura, nel micro e nel macrocosmo. Natura che indossa, che arreda, decora, che cura le malattie del nostro tempo.
Materiali – Mini e maxi rettili naturali con rifinizioni lucenti e dorate. Mini stampe-rettile con inserimenti floreali e tocchi cangianti. Stuoie di vario tipo: in materiali vegetali, in rafia e con inserti in nappa, nappa perlata, in canapa vegetale e rettile. Vitelli lucidi un po’ spessi, molto morbidi e dall’aspetto soffice. Vegetali pull-up anche con rifinizioni lucide e dall’aspetto invecchiato ed inserti dorati. Stampe naturalistiche su vegetali invecchiati e tamponati. Raggrinziti e goffrati su vegetali a due o tre colori tono su tono.
Volumi – Linee in apparenza decostruite ma abilmente fabbricate nelle asimmetrie e nei tagli insoliti. Vagamente trash.
Borse – Borse dalla modelleria semplice, volumi contenuti in forme medio-grandi, materiali naturali, paglie, pellami sofisticati, nappe, vitelli morbidi. Colori neutri, naturali.
Calzature e dettagli – Silhouette strutturate, forme irregolari, rifiniture artigianali.
Minuteria – Ispirazione vegetale anche per la minuteria: decori moderni che utilizzano materiali naturali, ricami in fili di raffia o piattine di seta, impreziositi da pietre dure o dalla madreperla. Guardare alle strutture organiche, vegetali anche per le forme dei ganci, puntali, fibbie e rinforzi in finiture ramate, ottonate. Borchiette metalliche satinate e colori iridescenti nuovi per gli strass, i vetri, che cangiano in profonditÓ come il ghiaccio. Bordure e dettagli come reti leggere, imprecise, stretch.
Spazio – Il proverbiale rapporto di amore e odio fra tecnica e natura ha nell’ambiente domestico un privilegiato osservatorio quotidiano. Da qui il tentativo umano di definire visivamente o mentalmente i due fenomeni: sassi, conchiglie e papiri occupano lo spazio domestico come sculture archeologiche mentre cellulari, schermi piatti, termometri digitali occhieggiano a noi come capolavori di arte moderna.
Scarica l'allegato:


Pubblicato il 09/20/2001



Scarica gli allegati