Facebook Instagram

11/14 FEBBRAIO 2018

ASIA PACIFIC LEATHER FAIR DI HONG KONG 8-10 APRILE 2002 

A.N.C.I. PORTA IL "MADE IN ITALY" AL TOP STYLE HALL DI HONG KONG

Si è conclusa il 10 aprile 2002 ad Hong Kong, ASIA PACIFIC LEATHER FAIR, l`appuntamento più importante del settore pelletteria per il sud-est asiatico a cui ANCI partecipa in collaborazione con l`Istituto per il Commercio Estero dal 1995.

La presenza italiana delle aziende di ANCI a APLF ha riguardato FASHION & FINISHED PRODUCTS, ovvero la fiera dedicata al prodotto finito, che si è svolta in parziale concomitanza a quella dedicata ai pellami e ai macchinari - Raw Materials & Manufacturing - secondo un nuovo format fieristico attuato da APLF. In effetti Hong Kong rimane crocevia e porta commerciale di tutto il mercato dell`Estremo Oriente, ed offre significative indicazioni sullo stato di salute di un`area commerciale che rappresenta circa il 6,3% dell`export italiano (in valore).

Nei primi 11 mesi del 2001 le esportazioni di calzature italiane verso Hong Kong hanno toccato le 2.017.914 paia (-5,8% rispetto allo stesso periodo dell`anno precedente) per un valore totale di 98,27 milioni di Euro (+12,94%). Il dato è sostanzialmente in linea con quanto è accaduto per l`intera area e quanto è avvenuto nel mercato principale ovvero quello Giapponese. I dati evidenziano infatti una situazione nella quale pur a fronte di una crescita consistente dei prezzi medi (+16%), gli acquisti di calzature dei paesi dell`Estremo Oriente in quantità sono diminuiti del 3% arrivando complessivamente ad un quantitativo totale di 8,6 milioni di paia.
Se quindi il mercato nel suo complesso vive una fase involutiva, i segnali positivi per le imprese che da più tempo operano sul mercato non mancano.
La scorsa edizione di APLF ha fatto segnare il ritorno di clienti importanti assenti all`appuntamento fieristico ormai da alcuni anni: è evidente che soprattutto quelle imprese che hanno una presenza costante sul mercato e non legata unicamente al momento fieristico hanno potuto sfruttare al meglio la loro conoscenza del mercato e la riconoscibilità del loro prodotto e del loro marchio. Sono proprio le imprese più radicate e con un posizionamento di prezzo più elevato (come dimostra la crescita del prezzo medio dell`export) a sfruttare al meglio il potenziale commerciale del made-in-italy anche in una situazione congiunturale sfavorevole.

All`evento internazionale che ha coinvolto 809 espositori su una superficie espositiva di oltre 17.000 mq lordi, circa una cinquantina di aziende, tra cui alcune pelletterie, hanno rappresentato la produzione italiana, collocate nella TOP STYLE HALL insieme agli altri espositori europei.
La scelta di uno spazio espositivo prestigioso, riservato alle creazioni d`alta gamma, è stato premiante nei confronti dei visitatori che hanno potuto identificare in modo selettivo le produzioni di alta gamma, in cui si sono segnalate, per contenuto moda e per qualità dei materiali utilizzati, le collezioni italiane.
Una sfilata di calzature, realizzata dalle aziende più rappresentative presenti alla collettiva e un ricco calendario di eventi collaterali hanno infine fatto da cornice alla presenza italiana ad APLF.



Milano, 15 aprile 2002

Scarica l'allegato:


Pubblicato il 05/09/2002



Scarica gli allegati